BASTIA UMBRA – UNA GRANDE festa per i 50anni della fondazione dell’ASALB, l’associazione di atletica leggera nata nel 1969 per volontà del prof. Giovanni Bratti. L’Asalb negli anni Ottanta è diventata la prima associazione locale di pallamano, aprendo trent’anni fa quelle prospettive di innovazione in questa disciplina. Un’iniziativa analoga a quella di 20 anni prima, quando era stata creata l’associazione di l’atletica leggera. Perché è una data storica? Perché Gianni Bratti da sempre si è battuto per lo sviluppo della pratica sportiva tra i ragazzi e le ragazze, a cominciare dall’atletica portando centinaia di giovani ad appassionarsi per lo sport. Sono stati decenni con carenza di impianti sportivi. «Una lotta – ha ricordato il prof. Bratti – che abbiamo condotto senza essere ascoltati dagli amministratori locali, quando l’impiantistica sportiva si sviluppava ovunque. Solo nel 2007 è stata realizzata una pista di atletica all’interno dello stadio comunale. Una risposta parziale arrivata anche molto tardi». LA CELEBRAZIONE dei 50 anni si è tenuta nel prefabbricato di via San Rocco alla presenza dei principali protagonisti, comprese le associazioni di volontariato AIDO e AVIS che sostengono la Pallamano. Erano, inoltre, presenti il presidente del CONI regionale umbro Domenico Ignozza e Gigliola Boggi, delega FIGH, che hanno premiato con una targa-ricordo il prof Bratti. Erano presenti gli atleti di ieri: Massimiliano Montanari, Monia Minciarelli, Orietta Rinaldi, Nadia Raspa, Gabriela Bartoli e Francesca Bratti; ma anche molti giovani atleti della squadra di Pallamano, che partecipa al campionato di serie B, e che hanno formulato l’augurio di festeggiare tra 50 anni il centenario.

343 Visite totali, 1 visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.