AZIONE CONTRO IL DEGRADO

BASTIA UMBRA – DOPO DIECI ANNI di abbandono l’area della cosiddetta ‘Oasi’ a margine del percorso verde lungo il fiume Chiascio è stata ripulita. Iniziativa gradita ai fruitori del percorso verde che hanno constatato con piacere la rimozione della selva di piante e arbusti, formatasi in anni di completo abbandono. Il Comune ha provveduto solo a ripulire il percorso. Il laghetto è stato realizzato una quindicina d’anni fa dalla Provincia tra il ponte di Bastiola e il Ponte di Ferro. Il nome Oasi era stato attribuito al laghetto dagli utenti dell’area sulla quale sostavano papere ed oche. Alimentato a nord dal Chiascio mediante una chiusa all’altezza delle cascatelle, l’acqua tornava al fiume con una chiusa prima del ponte di ferro. I lavori iniziati il 3 settembre saranno terminati nei prossimi giorni da un’impresa incaricata dei lavori di ripulitura dal Servizio Difesa e Gestione Idraulica della Regione Umbria subentrata per competenza alla Provincia di Perugia. L’importo di 107mila Euro prevede lavori di ripulitura di questo sito e per un lungo tratto della sponda sinistra del fiume fino oltre il Centro Fiere, a ridosso di Costano. Il progetto della Regione prevede anche il recupero del laghetto. «Un intervento di competenza altrui – sottolinea il vicesindaco Francesco Fratellini – che riteniamo positivo in quanto migliora un’area di ambiente naturale del nostro territorio, alla quale teniamo molto». m.s.

300 Visite totali, nessuna visita odierna

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.