Proseguono i controlli

BASTIA UMBRA “Il sistema di controllo con foto trappole funziona in modo efficace, anche come deterrente per coloro che trasgrediscono le norme di comportamento. I casi di
abbandono dei rifiuti sono in costante diminuzione, tuttavia ci sono cittadini che si comportano in modo irregolare e vengono sanzionati anche per tutelare quanti, e
sono la gran parte degli utenti, che si comportano con diligenza”. Parola dell’assessore Francesco Fratellini dopo gli otto cittadini (uno due volte) scoperti e multati per aver abbandonato
rifiuti. Non è l’unico caso: a febbraio, un uomo residente a Santa Maria degli Angeli ha abbandonato due sacchi di rifiuti nella zona industriale di Bastia Umbra e le foto-trappole aveva catturato anche un cittadino di Bastia Umbra mentre lasciava i propri rifiuti di fianco il cancello dell’isola ecologica. Nel primo caso la sanzione amministrativa è di cento euro e nel secondo di
cinquanta. Ancora prima, altre due multe per l’importo di 100 euro ciascuna, per il rilascio lungo strada di sacchetti con i rifiuti. I due casi, l’uno in un condominio in località Bastiola, l’altro nei pressi di un centro commerciale nella zona urbana di Bastia Umbra, sono venuti alla luce perché dei residenti hanno segnalatole violazioni ai responsabili del servizio di raccolta rifiuti. L’intervento del vigile ecologico ha consentito di individuare i responsabili: il primo una donna, che addirittura non risultava iscritta in quella via come utente al servizio rifiuti del Comune, mentre nell’altro caso si tratta di una ditta che ha sede a Santa Maria degli Angeli e che, anziché conferire i rifiuti differenziati nel suo comune, ha ritenuto più facile disfarsene senza separarli nel territorio
comunale di Bastia Umbra.

158 Visite totali, 1 visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>