Il segretario Giulietti chiede spiegazioni sull’avvio del progetto e sui ritardi per il sottopasso di via Firenze

“Si deve passare dalle parole ai fatti”

BASTIA UMBRA Il Pd all’attacco sull’area Franchi: in particolare, il segretario Giacomo Giulietti chiede di “passare dalle parole ai fatti, perché non può di certo passare inosservato ai cittadini
bastioli l’avvio del progetto dell’area Franchi, con tutti i dubbi e le perplessità del caso, visto che si sta palesando come i fatti sono ben diversi dalle belle parole dell’amministrazione
Ansideri”. In particolare, Giulietti segnala “palazzine in costruzione a pochi metri dal Chiascio e dal percorso verde, in un’area di pregio della nostra città che sarebbe potuta essere un parco fluviale. A breve le vedremo pure abitate e continueremo a non vedere il sottopasso di via Firenze, a dispetto di quanto ripetuto più e più volte dall’assessore Fratellini e dal resto dell’amministrazione. Il tanto conclamato rilascio dell’abitabilità è stato completamente svincolato dalla realizzazione del sottopasso ferroviario”.Per il segretario del Pd, “l’amministrazione
che tanto si opponeva alla cementificazione lascerà in eredità a Bastia altri 110 appartamenti (160 al completamento del piano) in regime di social housing, in un mercato edilizio da anni in seria difficoltà, senza una adeguata valutazione dell’impatto socio economico, in un contesto giudiziario fumoso (parte dell’area che rientra nel progetto è soggetta a vendita giudiziaria),
il tutto senza che siano onorati i costi concessionari con cui realizzare le opere infrastrutturali, compreso il sottopasso”.

1,502 Visite totali, 6 visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (1)

comments (1)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.