HA RAGIONE il gruppo consiliare del Pd quando, nell’ultima riunione del Consiglio comunale, ricorda che la «sicurezza non è un problema che appartiene alla destra o alla sinistra, ma va affrontato nell’interesse generale». Forse sarebbe più corretto dire che oggi strumentalizzare il problema sicurezza non solo è deplorevole, ma anche gravemente dannoso.
Il confronto centrodestra-centrosinistra a Bastia sulla sicurezza ha preso le mosse dal bilancio sulla gestione delle serate della festa del palio dei rioni per aver messo in campo le forze dell’ordine (polizia municipale, polizia di Stato e carabinieri), per la prima volta presenti sia tra la folla in piazza, sia in prossimità delle taverne. L’iniziativa è dovuta al sindaco Stefano Ansideri che, alla vigilia dei festeggiamenti dopo i problemi per abuso di alcolici nella ‘cena della discordia’, ha convocato i responsabili delle forze dell’ordine e dell’ente palio per concertare un’effettiva azione di vigilanza. Ora, il Pd contesta che sia stato usato un approccio repressivo invece che preventivo. Questo giudizio, però, non tiene conto che la buona volontà dell’ente palio mostrata nella gestione della cena della discordia con il razionamento degli alcolici non era stata sufficiente ad evitare né abusi, né eccessi. Il Pd lamenta, inoltre, che sarebbero state una sessantina le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza, proprio per l’aumento dei controlli nelle serate del palio, «mentre indisturbati nella città si scatenavano i ladri».
OCCORRE dare il buon esempio di sana prevenzione, sottolinea il Pd, coinvolgendo in questa azione la famiglia e la scuola. Non come ha fatto il Sindaco Ansideri, che nelle taverne rionali ha ordinato per i suoi commensali «qualche bella bottiglia di grappa dopo il pasto, suscitando perplessità in molti ragazzi». Il problema vero, ancora tutto da risolvere, è che in Consiglio destra e sinistra hanno auspicato azioni che scoraggino gli adolescenti ad abusare di alcolici e ad usare stupefacenti, senza però indicare alcuna concreta iniziativa che possa avere un minimo di efficacia.

di MASSIMO STANGONI

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (4)

  • aveva ragione ieri shrek, mandiamoli tutti a curare che questi hanno perso le rotelle……….

  • Se è vero quello che dice il Pd, la notizia che impressiona è che si siano ritirate 60 patenti nelle serate del Palio: ma allora quanta gente ubriaca c’era in giro, oltre quei 60? Volete scoraggiare l’abuso di alcol tra gli adolescenti ed i giovani? Vietate l’uso delle bevande alcoliche per gli adolescenti e limitate la vendita delle stesse in tutte le serate degli eventi che si tengono a Bastia. E’ troppo? O forse queste misure sono difficii da applicare perchè andrebbero contro certi interessi? La cultura ed il divertimento che c’entrano con lo “sballo”?!!

  • Un consiglio per il sindaco ANSIDERI: “Quando la prossima volta si recherà in un supermercato e vorrà acquistare una bottiglia di buon vino da gustare con gli amici, si guardi intorno se scorge nelle vicinanze qualche esponente dell’opposizione nascosto dietro gli scaffali”. Siamo arrivati alla farsa.

  • Spostiamo l’obiettivo su CHI GUADAGNA E QUANTO sulle spalle di adolescenti e minori, vittime inconsapevoli di gente senza scrupoli” . Iniziamo a controllare le casse dei pub delle sagre e dei bar dei rioni, che vendono indisturbati e noncuranti alcolici e super alcolici ai minorenni pur di riempire il cassetto. I giovanissimi sono vittime inconsapevoli di un business micidiale, e si ritrovano con i neuroni impazziti…Molti de servizio al bar dei luoghi sopra citati hanno dei figli ora bambini, ma stessero in campana, perchè presto cresceranno e saranno anche i loro figli stesi tra gli altri come poveri dementi…Non si può rimanere a guardare questo gravissimo reato sui giovani, tutti i Comuni in Italia si stanno muovendo, aldilà della politica, è una questione sociale. Vergogna chi fa finta di non vedere, fate i soldi sulla vita degli altri.

comments (4)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.