I GUAI DEL CAVALIERE

PERUGIA – È CAMPIONE mondiale di Endurance a squadre, manager della «Sistema eventi» con cui realizza manifestazioni internazionali che ruotano attorno al mondo dell’ippica, molto vicino a personaggi del calibro di Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum Primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e emiro di Dubai: ma adesso Gianluca Laliscia si trova indagato per omicidio colposo. TUTTO ruota attorno alla morte di un imprenditore di Bastia, Domenico Pelagatti, 48 anni, trovato senza vita il 20 ottobre del 2016 all’interno di un pozzetto prefabbricato al “Prato del Pallareto” annegato, secondo quanto stabilì l’autopsia disposta dalla procura. Inizialmente la vicenda è avvolta dal mistero. Si scoprirà poi che si è trattato di un evento accidentale. Secondo le indagini, svolte dai carabinieri di Assisi, coordinati dal pm Valentina Manuali, quel pozzetto di 50 centimentri per 50, un impianto fossa imhof, privo di fondo e del relativo chiusino, sarebbe stato realizzato tra il 2007 e il 2008 proprio dalla «Sistema Eventi» di cui è amministratore unico Laliscia e dalla «Eventi Italia» per lo smaltimento delle acque reflue, in occasione dell’Endurance Lifestyle che si svolse tra il 2007 e il 2009 ad Assisi. Quando la città Serafica fu travolta da cavalli, sceicchi e un grande spettacolo. L’area era stata data in affitto dai benedettini dell’Abbazia San Pietro alla società «Gat» – ricostruiranno gli investigatori – con durata ventennale e da quest’ultima sub affittata alla «Sistema eventi», fino al 2009 data della risoluzione del contratto. In particolare però – secondo l’ipotesi accusatoria – la società di Laliscia avrebbe restituito il terreno «senza aver adempiuto all’obbligo di ripristino dello stato dei luoghi previsto nella scrittura e quindi senza rimuovere il pozzetto; la Gat avrebbe accettato in consegna il terreno senza accertarne la rimozione». «Così, non volendo, per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia, negligenza» i quattro indagati cagionavano la morte dell’imprenditore. Insieme a Laliscia devono rispondere di omicidio colposo l’amministratore di Eventi italiani, quello della Gat e il direttore dei lavori per l’Endurance. Quel maledetto 20 ottobre Pelagatti uscì per fare una passeggiata con il cane: il telefono o le chiavi caddero nel pozzetto, lui si sporse, perdendo l’equilibrio, cadendo e annegando. Eri.P.

Le tappe

L’incidente

La morte di Domenico Pelagatti avvenne in circostanze misteriose in via Pallareto, strada sterrata ai piedi di Assisi e della Basilica di San Francesco. Era uscito con il cane, non è più rientrato a casa. E’ morto in un incidente drammatico

L’imprenditore

Da imbianchino a imprenditore del cartongesso: Domenico Pelagatti, 48 anni, era molto conosciuto a Bastia dove viveva con la famiglia e dove era noto anche per la sua passione calcistica

La famiglia

La famiglia (moglie e tre figli) – assistita dall’avvocato Giuseppe Berellini – chiese di conoscere la verità e il figlio ventenne, Federico, fece un appello dopo la tragica morte del padre. Ora la procura ha individuato i presunti responsabili

PERSONAGGIO

«Attendo di conoscere l’intera vicenda» Contattato da «La Nazione» Laliscia non ha voluto rilasciare commenti in merito all’indagine penale, in attesa di avere piena consapevolezza della vicenda. «Non ho ancora ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini e sono stato solamente convocato dai carabinieri. Confido nell’operato della magistratura». Cavaliere & manager, molto legato a Dubai e all’Umbria. Cinquantun anni, nato a Terni ma residente a Corciano, Gianluca Laliscia è un nome a livello mondiale: campione dell’Endurance e promotore di iniziative a respiro internazionale che ruotano attorno alla disciplina sportiva.

793 Visite totali, 2 visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.