Calcio serie D

Oggi che la ripresa sembra all’orizzonte, continua l’incertezza. Non si sa ancora quale è l’esito del campionato, sospeso a fine febbraio e in attesa di decisioni concrete. A Bastia oltre a questi problemi la preoccupazione più grande riguarda il futuro. «Per parte mia – sottolinea il presidente Sandro Mammoli – per andare avanti è necessario considerare chiuso il passato e
consentire ai dirigenti delle società di programmare il futuro. Se lo sport ha qualche incertezza, l’economia è in pesante crisi, una situazione di cui dobbiamo tenere conto. Voglio dire a tutti con chiarezza: se nelle prossime settimane non dovessero emergere nuove collaborazioni e risorse finanziarie aggiuntive, non mi resterà che lasciare. Si sono fatti avanti
personaggio da fuori disponibili a prendersi il Bastia calcio; tentativi che negli anni scorsi sono caduti nel vuoto. Non mi entusiasma questa prospettiva, ma con le attuali risorse è impossibile ricominciare». Il Bastia ha un patrimonio di giovani che può essere una risorsa aggiuntiva, con oltre 300 ragazzi. «Il problema è tutto nella prima squadra – aggiunge
Mammoli –. Per chiudere la stagione dovrò saldare due mensilità arretrate. E’ una cosa normale che, nell’attuale contesto economico, diventa pesantissima che grava solo sulle mie spalle». m.s.

 1,563 Visite totali,  2 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.