La ripartenza affrontata dal Tavolo comunale in videoconferenza con le associazioni
BASTIA UMBRA I problemi della ripartenza sono stati esaminati dal Tavolo tecnico comunale in videoconferenza tra la Giunta e i rappresentanti delle associazioni delle principali categorie agricole, artigianali e commerciali. Un confronto ritenuto necessario dall’amministrazione comunale coinvolgendo nelle decisioni i rappresentanti degli operatori
economici. La prima decisione è stata la dislocazione dei banchi del mercato settimanale. Finora i venditori di agroalimentari, una ventina in tutto, sono stati dislocati in piazza del Mercato. Forse già venerdì si riaprirà il mercato con tutti i prodotti. In tal caso gli oltre cento banchi saranno disposti lungo via Silone, ex Rivierasca, per motivi di sicurezza e più agevole gestione delle distanze. «Per il periodo dell’emergenza, fino al 31 luglio, questa sarà la sede del mercato – ha spiegato Valeria Morettini, assessore al commercio e al bilancio -. Per il futuro ritorneremo sull’argomento». Era presente alla videoconferenza anche il rappresentante
dei venditori ambulanti. Una decisione imminente riguarderà il prolungamento dell’orario, fino a tarda sera, per i negozi di parrucchieri ed estetisti. La proposta è della CNA. Alla videoconferenza coordinata dal sindaco Paola Lungarotti sono intervenuti gli assessori con relazioni sui settori di specifica competenza. Il confronto ha consentito di valutare sia gli
interventi avviati che quelli in gestazione. E’ stato condiviso dai rappresentanti di categoria il metodo di convocazione periodica del Tavolo allo scopo di varare un progetto complessivo.
La prossima riunione è in programma martedì.

 1,460 Visite totali,  3 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.