Respinta dal centrodestra la mozione presentata in consiglio comunale nell’ultima seduta dalla Lega
BASTIA UMBRA Mai vista una convergenza tra le forze politiche in consiglio comunale sul tema sicurezza come quella registrata nell’ultima seduta. In particolare sulla mozione della Lega che, dopo un intenso dibattito, è stata respinta dalla maggioranza di centrodestra. Il documento è stato presentato un mese fa dalla Lega, ma il dibattito anziché spianare le differenze ha creato un muro diventato invalicabile. Come mai chiediamo all’assessore alla sicurezza Valeria Morettini. «Abbiamo chiesto che la mozione fosse ritirata – ha detto l’assessore – come ha ben spiegato il consigliere Timi, della lista del Sindaco, rilevando che le Lega nella mozione invita ad ‘avviare’ un lavoro, che la Giunta ha previsto nel programma di mandato e che abbiamo avviato da mesi. L’abbiamo spiegato in un incontro con i rappresentati della Lega lo scorso febbraio». Il sindaco Paola Lungarotti, nel suo intervento in Consiglio, ha rilevato che la Lega avrebbe dovuto presentare un’interrogazione e non una mozione. Sta di fatto che subito dopo il lockdown sono aumentati furti, aggressioni e atti vandalici; tanto che l’opinione pubblica sollecita nuovi interventi. «Abbiamo attivato la vigilanza privata di notte in collaborazione con la Polizia locale – spiega l’assessore – e stiamo preparando un progetto, consultiamo le forze di polizia (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza) per aumentare i controlli, mentre la Polizia locale prepara i controlli di vicinato; sollecitiamo il Prefetto ad attivare un tavolo tecnico locale». m.s.

 86 Visite totali,  3 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.