Comunicato stampa
BASTIA UMBRA Abbiamo letto con grande meraviglia le dichiarazioni del Gruppo Consiliare del PD dove ironicamente si chiede se Stefano Pastorelli fosse diventato il Sindaco di Bastia Umbra.
Riteniamo che gli esponenti del Partito Democratico abbiano, ancora una volta, perso un’ottima occasione per rimanere in silenzio. Possono stare tranquilli che Bastia è, da oltre un decennio, saldamente governata dalle stesse forze moderate che non hanno bisogno di garantirsi un futuro politico a Bastia perché ce lo hanno già. Il risultato elettorale del 10 giugno 2019 ha espresso chiaramente, e con largo suffragio, la scelta dei Bastioli di essere governati da forze moderate. Gli elettori hanno confermato per la terza volta questa maggioranza, alla guida della quale è stata prescelta una donna capace e competente, Paola Lungarotti, dimostrando di voler proseguire, pur con certi distinguo, in un processo virtuoso di sviluppo sociale ed economico del nostro territorio iniziato nel 2009.
Cari signori del PD bastiolo, fatevene una ragione, gli elettori hanno scelto noi. A dimostrazione che questo è un centro-destra con una forte componente liberale, moderata in grado di esprimere idee e persone giuste per vincere, ma soprattutto per governare bene le città. Nel contempo hanno dato un giudizio severo sulla sinistra. Quindi sereni, questa è una coalizione moderata capace di sostenere un solido e ambizioso progetto in grado di ben amministrare la nostra straordinaria città.”
Non lo facciamo mai, ma questa volta vogliamo concludere con una citazione di un aforisma di Oscar Wilde: – A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio. –
Il Gruppo Consiliare di Forza Italia

 1,066 Visite totali

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.