Dilettanti

di Michele Fratto
PERUGIA E’ stata solo una suggestione di fine estate il cambio a due gironi in Eccellenza. Clamoroso nella giornata di ieri il ribaltone e il ritorno al girone unico a 19 squadre sancito dalle società del massimo campionato dilettantistico umbro. Due sono stati i cambi di vedute che hanno bloccato il cambio,quelli di Assisi Subasio e Sansepolcro. Nella prima votazione le due società avevano espresso parere favorevole verso il nuovo format a due gironi da nove squadre ma la notte, si vede, ha portato consiglio ai due presidenti che hanno cambiato casacca il giorno dopo. I dieci voti a favore del girone unico (Assisi Subasio, Bastia, Castel del Piano, Ellera, Lama, Massa Martana, Nestor, Olympia Thyrus, San Sisto, Sansepolcro) hanno avuto la meglio sulle rimanenti otto (Angelana, Branca, Castiglione del Lago, Ducato, Gualdo Casacastalda, Narnese, Orvietana, Pontevalleceppi).Proprio l’ultimo no ai due gironi espresso dal Sansepolcro ha fatto andare su tutte le furie Roberto Biagioli, presidente dell’Orvietana, che in prima battuta ha tuonato di ritirare la squadra. Il presidente della Figc Umbria Luigi Repace ha dovuto dare frutto a tutto il proprio senso diplomatico per calmare le acque: “La votazione resta questa perché derivante da una formula democratica dove abbiamo deciso tutti insieme. Anche io avrei preferito due gironi da 9 per la questione dei tanti turni infrasettimanali, però mi adeguo”.

PROMOZIONE Nel pomeriggio, poi, le società di Promozione hanno dovuto scegliere tra vicinanza territoriale e sorteggio integrale per quanto riguarda la composizione dei tre gironi da 12 squadre, soluzione già votata da 24 società su 36. In questo caso, maggioranza diffusa per la vicinanza territoriale, con solo quattro società (Mantignana, Pierantonio, Selci Nardi, Tavernelle) a favore del sorteggio integrale. Più rilassato rispetto alla mattina, Repace ha concluso: “Trasecolato dalla riunione di stamattina nonostante la massima disponibilità, sono orgoglioso della vostra scelta. Anche io sono a favore della vicinanza, quest’anno dobbiamo tenere duro”.

 207 Visite totali,  1 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.