Il problema

Dopo l’allarme lanciato dalla Lega parla l’assessore «Stiamo facendo verifiche e ne faremo ancora»
BASTIA UMBRA La sicurezza pubblica è sempre un tema di grande interesse che spesso alimenta polemiche. Ci sono aspetti di questa problematica che attraverso il confronto politico si possono migliorare. L’interpellanza della Lega relativa alla situazione di degrado sociale nell’area di Bastia 2 e in particolare in via Pertini avrà una risposta dall’amministrazione comunale in Consiglio comunale. Tuttavia, il problema è di notevole rilevanza pubblica ed è utile capire se la realtà corrisponde e in che misura alla segnalazione della Lega. Persone ubriache che sostano negli androni, escrementi e una situazione tutt’altro che rassicurante. «Stiamo facendo accertamenti e verifiche – spiega Valeria Morettini, assessore alla sicurezza (foto) – sapendo che in questa stessa area si erano verificati nei mesi scorsi episodi di criminalità (rapine, furti, atti vandalici), per cui interverremo con nuovi punti luce e telecamere. La Polizia locale ha svolto controlli rilevando un certo disagio sociale, ma non ha notato la presenza di ubriachi o situazioni di emergenza di igiene pubblica. Stiamo lavorando per ulteriori verifiche che faremo insieme ai responsabili dei condomini. Questa è zona di residenti in palazzine e vorremmo sentire il punto di vista dei gestori dei servizi. Da rilevare inoltre che ci sono delle aree esterne alle residenze di proprietà privata ma di uso pubblico».
Quale è il quadro generale? «Lo presenteremo in Consiglio, anche alla luce del confronto che avremo con i responsabili dei condomini». m.s.

 102 Visite totali,  1 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.