Respinte le proposte avanzate dal Pd Puntualizzazioni e difesa del proprio operato
BASTIA UMBRA Ancora una polemica tra Giunta e opposizione consiliare. In questo caso riguarda l’ambiente, in particolare il verde pubblico, questione cara all’opinione pubblica. Il gruppo consiliare Pd nel chiedere nuove regole e apposito regolamento per il verde pubblico rilevava che la Giunta, nel dare conto della ripiantumazione di 5 alberi di Natale, dimenticava che in realtà gli alberi utilizzati in piazza Mazzini erano 9. Immediata la replica dell’amministrazione comunale: «I quattro alberi in più, di cui parla il gruppo consiliare PD, sono stati donati temporaneamente alla Parrocchia dalla Cooperativa Sopra il Muro e ripresi in possesso dalla stessa dopo le festività». La Giunta ricorda, inoltre, che oltre le 5 piante anche gli arbusti, che ornavano il boschetto natalizio, saranno ripiantati nei giardini delle scuole, non appena il clima lo consentirà. In sostanza l’amministrazione del sindaco Lungarotti rileva che è «un continuo alzare la polvere per creare confusione». Si ricorda che è già in atto da più di un anno il censimento del verde, che è previsto nell’appalto al gestore con inserimento su apposito strumento informatico di tutte le caratteristiche delle aree verdi. «Riceviamo tante segnalazioni dai cittadini per la pericolosità di piante – ricorda l’assessore Stefano Santoni -. Quello che ci impegniamo a fare sempre attraverso gli agronomi è
constatare la veridicità delle informazioni, constatare la salute delle piante per salvarle dove si può, anche con opportune potature salvaguardando sempre la viabilità, la pubblica incolumità e la sicurezza urbana«.

 176 Visite totali,  6 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.