Fratellini «non ci sta» a farsi imporre le soluzioni Lungarotti: «Non siamo ostaggio del Comitato»
BASTIA UMBRA Francesco Fratellini, vicesindaco e assessore all’ambiente, domenica ha diffuso un comunicato per dire che «non ci sta» a farsi imporre le soluzioni dal Comitato di Costano per la modifica del regolamento comunale di igiene. Subito dopo Paola Lungarotti, sindaco, interviene per rispondere al problema della modifica del Regolamento. E’ convinta, infatti, della necessità di «spiegare le ragioni – ha scritto – del perché ho ritenuto opportuno approfondire tale argomento e di conseguenza richiedere la posticipazione del Consiglio Comunale previsto per mercoledì 31 marzo dove tra i punti all’ordine del giorno sarebbe stata inserita la citata modifica». Aggiunge: «Non siamo ‘ostaggio’ di un Comitato, né tanto meno ritengo che questa Amministrazione di centro-destra sia sotto scacco e – conclude il sindaco -ci muoviamo con equilibrio, attenzione, ascolto. Il tempo speso a tal fine, è sempre un tempo speso bene». C’è qualcosa che non va se per un problema amministrativo come la fertirrigazione ovvero lo spargimento su terreni agricoli dei reflui degli allevamenti di suini, sia pure un tema serio e con precedenti poco felici nella frazione di Costano, sindaco e vicesindaco che guidano la stessa amministrazione ricorrano a comunicati stampa per esprimere le rispettive opinioni. Significa che nella Giunta comunale e nelle riunioni di maggioranza del centrodestra non riescono a dialogare oppure che si tratti di un dialogo tra sordi. Se fossero rapporti privati, sarebbero fatti loro, ma siccome si tratta di relazioni tra soggetti istituzionali si tratta di pubblico interesse. m.s.

 188 Visite totali,  3 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.