La Lega attacca la maggioranza dopo l’ultimo consiglio. “Continueremo a vigilare nell’interesse dei cittadini”

BASTIA UMBRA – “Non possiamo che sorridere di fronte alle inutili illazioni del sindaco e della maggioranza che, non potendo fare chiarezza circa i temi discussi in consiglio, cerca solo di distogliere l’attenzione con comunicati fantasiosi”. Così il gruppo consiliare della Lega di Bastia risponde all’amministrazione che aveva accusato le minoranze di essere uscite dall’aula prima della votazione dell’ordine del giorno su “attivazione ogni utile iniziativa nei confronti della Regione dell’Umbria per un sollecito aggiornamento del Piano regionale di gestione dei rifiuti”. Al centro dello scontro l’accusa alla maggioranza di non ascoltare le minoranze. “Il gruppo Lega segue con attenzione l’attività amministrativa
con presenza costante nelle commissioni e nei consigli presentando le dovute istanze nelle sedute. Certo non si può dire lo stesso della maggioranza che si è limitata a presentare, forse per la prima volta dall’insediamento, un Odg”
La Lega accusa quindi l’amministrazione di immobilismo. Sotto accusa anche l’approvazione del piano direcupero delle stalle, “con l’assessore Fratellini che non ha minimamente recepito quanto richiesto dalla stessa maggioranza e anche
dalla Lega”. “La maggioranza si preoccupi di spiegare ai cittadini il perché dei cattivi odori che ancora aleggiano nelle strade di Bastia, si preoccupi di spiegare la scelta politica portata avanti sulla pratica Paim, accompagnata da una discussione più da mercato del pesce che non da consiglio comunale. La Lega continuerà a seguire l’attività amministrativa molto da vicino nell’interesse dei cittadini”.

 209 Visite totali,  2 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.