Nell’ultimo consiglio comunale sono stati portati all’attenzione nove punti all’ordine del giorno. Oltre alla pressoché consueta approvazione del verbale della seduta precedente, è stato illustrato ad opera del Sindaco il DUP, uno dei documenti principe della Legislatura, in cui viene riportato lo stato di avanzamento del programma di mandato proposto in campagna elettorale. Il COVID ha necessariamente influito molto nella prima metà della consigliatura, ma si guarda con fiducia e decisione verso il futuro, anche grazie a strumenti messi a disposizione con il PNRR.
Il Consiglio ha poi approvato la liquidazione del Consulente Tecnico di Ufficio del Tribunale per il ricorso che il Comune di Bastia ha presentato contro l’impresa esecutrice della Scuola di XXV Aprile, con la necessaria formula del debito fuori bilancio: un ulteriore tassello che consentirà di concludere il procedimento a beneficio del Comune e della collettività tutta.

All’unanimità si è poi approvato l’acquisto di libri per la biblioteca comunale, reso possibile grazie ad un fondo emergenze per imprese ed istituzioni culturali.

Si è poi passati alla discussione degli atti presentati dalle minoranze: sull’ordine del giorno relativo all’ingresso del vecchio Comune, l’Amministrazione fa sapere di aver dato mandato al Segretario Comunale di valutare se ci sono gli estremi per il danno patrimoniale a causa della perdita per smaltimento in discarica del manufatto, respingendo la proposta che richiedeva altre azioni per lo stesso fine.

Sul bando per le macchinette mangiaplastica, oggetto del successivo ordine del giorno, l’Amministrazione fa sapere di essersi già mossa, partecipando al bando e comunicando che, con la concomitante distribuzione delle miniecoisole su gran parte del territorio comunale, intenderà utilizzare l’ecocompattatore non tanto per sensibilizzare al riciclo (cosa già ben praticata dalla cittadinanza) ma per un progetto educativo con le scuole.

Per l’ordine del giorno sulla valutazione di dotare di illuminazione e alberature la pista ciclabile di Cipresso (in fase di conclusione lavori), constatato con immagini proiettate l’insussistenza della prima richiesta, è stata accolta dalla maggioranza (e votata all’unanimità) la volontà di effettuare delle riflessioni sulle alberature.

Sulla messa in sicurezza della pista ciclabile di XXV Aprile invece, pur denotando l’annosa deplorevole e impropria pratica dell’uso di parte di essa come parcheggio, l’Amministrazione ritiene di fare un ragionamento più ampio su tutte le piste ciclabili attualmente presenti sul territorio comunale, le quali possiedono (ad eccezione di Cipresso) analoghe caratteristiche a quella citata sull’ordine del giorno. Pertanto, respingendolo, la maggioranza ha ritenuto di non dare precedenza al caso specifico.

Infine viene data risposta all’interrogazione presentata dal MoVimento 5 Stelle su alcuni aspetti specifici inerenti la pista ciclabile di Cipresso, la quale è stata considerata insufficiente ad opera della stessa proponente.

Bastia Umbra,  18 Novembre 2021                                   Ufficio Stampa del Sindaco

 134 Visite totali,  3 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.