Realizzata dall’artista Rosella Aristei è un forte monito ai ragazzi per combattere davvero gli atti di sopruso

BASTIA UMBRA «Sballa il bullo» è la scritta che campeggia sulla panchina gialla contro il bullismo realizzata dall’artista Rosella Aristei (foto) e inaugurata ieri nello spazio verde della Scuola secondaria di Primo grado «Colomba Antonietti». Testimonial dell’iniziativa, in occasione della Giornata nazionale contro il bullismo, è stato il prestigiattore Andrea Paris che ha coniato, per l’occasione, un acronimo incisivo assai: «B.U.L.L.I. : basta unicamente lasciarli logorare nell’indifferenza». Una panchina per dire «NO» al bullismo per lavorare insieme ad un progetto contro il bullismo e il cyberbullismo promosso dalla scuola e dalle istituzioni locali con l’associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Intervenuti, oltre all’artista Rosella Aristei e ad Andrea Paris, Gianluca Insinga, presidente dell’associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Ancri) sezione di Foligno/Valle Umbra, numerosi Insigniti della Repubblica, gli assessori municipali Daniela Brunelli e Filiberto Franchi, Stefania Finauro, Dirigente Scolastica Comprensivo 1 – Bastia Umbra e il sindaco Paola Lungarotti, che ha sottolineato: «Sensibilizzare insieme a voi ragazzi, combattere il bullismo con la dovuta preparazione da più punti di vista, combattendo sempre l’indifferenza, questo è quello che oggi stiamo e state facendo. Vi ringrazio tutti voi presenti per la partecipazione che è stata straordinaria e sentita, un segnale importante che vuole aprire la strada a molte altre iniziative su questo tema, urgente e importante».

 431 Visite totali

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.