L’episodio in un locale del centro di Bastia, arresto e denunce

BASTIA UMBRA – Hanno dato in escandescenza perché il titolare del bar si è rifiutato di continuare a vendergli bevande alcoliche.
E’ successo venerdì sera in un locale del centro storico di Bastia. I tre, tutti di nazionalità rumena, sono entrati come se fossero clienti.
Prima di ordinare da bere, tuttavia, hanno cominciato ad infastidire alcune persone che stavano trascorrendo la serata chiacchierando al bar.
Il gestore del locale ha provato ad allontanarli ma senza successo. Quando i tre gli si sono avvicinati e gli hanno chiesto di vendergli ancora bevande, il titolare si è rifiutato. E’ stato proprio in quel momento che si è scatenata la reazione del gruppetto, già visibilmente ubriaco. Hanno, infatti, aperto il frigorifero e hanno preso, da soli, alcune bottiglie di birra che si trovavano all’interno.
Gli altri avventori e il gestore del bar hanno provato a fermare i tre che hanno iniziato a minacciarli e hanno addirittura spaccato una bottiglia con la quale hanno iniziato a minacciare le persone che li circondavano.
A quel punto, spaventati, alcuni clienti del locale hanno avvisato i carabinieri. Sul posto è arrivata una pattuglia e ha cercato di riportare i tre alla ragione.
L’uomo che aveva in mano la bottiglia rotta, però, non ha accennato minimamente a desistere dai suoi intenti anche davanti ai militari.
Ha infatti continuato a difendersi e a minacciare sia gli avventori che i carabinieri con il collo della bottiglia.
I carabinieri sono però riusciti a fermarlo e a disarmarlo.
A quel punto lo hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e per furto.
Non solo. Gli altri due a quel punto hanno desistito e sono stati denunciati per furto in quanto avevano sottratto le bottiglie dal frigorifero del bar senza il permesso del titolare e senza pagarle.
Nessuna conseguenza per gli avventori del locale e per il titolare dell’esercizio pubblico del centro storico. I tre, infatti, si sono limitati a minacciali.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.