Sotto accusa il progetto di risanamento dell’impianto. Dottorini: chi ha sbagliato, paghi
BETTONA – “Lo schema di convenzione approvato ‘fuori sacco’ dalla giunta regionale per riattivare il depuratore di Bettona dopo i noti scandali ambientali è l’ennesimo atto incomprensibile ed inopportuno di cui francamente abbiamo difficoltà a comprenderne l’urgenza e l’utilità. E’ opportuno che la Giunta soprassieda dalla decisione definitiva e avvii un percorso che coinvolga anche il consiglio regionale. Non si capisce perché sia la Regione, con i soldi dei cittadini, a dover pagare. Occorre chiarire le responsabilità di questa situazione e a chi vanno addebitati gli oneri di sistemazione della laguna e del depuratore”.
Con queste parole Oliviero Dottorini, capogruppo dell’Italia dei Valori in consiglio regionale, commenta la delibera di Giunta dello scorso 29 luglio con cui palazzo Donini ha approvato un protocollo d’intesa fra Comune, Provincia e Regione che “di fatto è un ulteriore regalo ad un’Amministrazione a tutt’oggi sotto inchiesta” e che “non chiarisce quali saranno gli interventi da fare, quali i costi e chi li deve sostenere”.
Il timore dell’Idv è che l’atto dell’Esecutivo possa dare il via al progetto di risanamento approvato dal Comune di Bettona e redatto dall’ingegnere Baruchello, professore dell’Università Roma Tre. Il progetto
prevederebbe che le acque reflue contenute nella laguna, una volta trattate con un impianto mobile, vengano smaltite nella fogna pubblica. “Inoltre – spiega Dottorini – la soluzione prospettata è un impianto che non sia più al servizio dell’agricoltura e della zootecnia delle imprese locali, ma finalizzato alla produzione di energia. Inaccettabile poi che la regione si impegni a riconoscere al Comune di Bettona tutti gli oneri diretti e indiretti inerenti gli adempimenti necessari, peraltro senza indicare la copertura finanziaria, abbandonando ogni tentativo di far pagare gli oneri di una situazione disastrosa ai veri responsabili”.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (4)

  • Negli anni 80 furono fatte denunce ai carabinieri documentando con foto che veniva scaricato ogni sorta di rifiuto nella laguna, i dipietristi quando sono andati al governo cosa hanno fatto—–
    hanno seguito la strada intrapresa dai vecchi marpioni anche loro hanno mangiato prosciutti auto trattori. tutta brava gente che predica per la legalità sbattendo lemanette.

  • …ma negli anni 80 erano di moda i concerti dell’orchestra sinfonica di Perugia pagati dalla Codep che piacevano molto a personaggi della <> perugina.

  • QUELLO CONTENUTO NELL LAGUNA è LIQUAME E PERTANTO UTILIZZATO QUALE FERTILIZZANTE SUI TERRENI AGRICOLI. QUESTA SOLUZIONE PREVEDE COSTI MINIMI. QUALSIASI ALTRA SOLUZIONE COMPORTEREBBE ESBORSI ENORMI CHE PAGHEREBBERO I CITTADINI. SONO SICURO CHE LA CORTE DEI CONTI INTERVERRA’ SULLA VICENDA.

  • Mi piacerebbe sapere quanto l’attuale sindaco, che ai qui tempi 1975-2980 stava all’pposizione, ha pagato i lotti dell’opera pia preziotti e a quanto li ha poi rivenduti e a che cosa sono serviti? Forse si scoprirebbero cose interessanti!

comments (4)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.