Colpaccio biancorosso Il difensore regala la vittoria a Luzi: biancorossi a +3 sui playout

Clitunno Bastia 0-1

di LUCA CESARETTI

CAMPELLO SUL CLITUNNO – Il Bastia di Zoran Luzi piega a domicilio la Clitunno – priva dello squalificato Morbidoni e dell’infortunato Mosconi – al termine di una partita godibile e giocata a viso aperto da entrambe le formazioni e si rilancia in classifica ricacciando indietro la zona play-out.
INIZIO VIVACE – Pronti-via e gli osptini si fa vedere in avanti con Battistelli, che di tacco gira sul fondo un angolo di Tasso. La risposta della Clitunno arriva al 7’ con un fraseggio del trio offensivo che porta alla conclusione Angelantoni, ma la sua girata dal dischetto del rigore termina ampiamente sopra la traversa. Botta erisposta tra il 13’ed il 15’: prima si fa pericoloso il Bastia con un colpo di testa di Battistelli su cross dalla sinistra di Mancini, poi è il turno della Clitunno con un percussione centrale di Tomassoni che prova ad imbeccare in profondità Antonini ma trova l’uscita attenta di Tajolini. Dopo una decina di minuti di studio le due formazioni tornano a farsi pericolose al 22’, quando Angelantoni dal limite costringe Tajolini al salvataggio in angolo, ed al 27’, con gli ospiti che rispondono con Belkchach che arriva sul fondo e con un tiro-cross scavalca Felici, ma la sfera si stampa sulla traversa strozzandogli in gola i festeggiamenti.
FUOCHI D’ARTIFICIO – Quando la gara sembra addormentarsi ed avviarsi verso l’intervallo ecco invece che negli ultimi cinque giri di lancette del primo tempo la gara improvvisamente si accende e le occasioni fioccano. Al 39’la Clitunno ha la migliore chance possibile per passare in vantaggio con Antonini, a cui il direttore di gara assegna un rigore dubbio per un presunto fallo di Tasso appena dentro l’area: dal dischetto del rigore, però, il bomber di casa apre troppo il piattone destro e spara al lato. Scampato il pericolo il Bastia per ben tre volte va vicino al gol: al 41’ con un punizione di Francioni dai 25 metri che accarezza la parte alta della traversa, al 43’ con un diagonale di Mancini in contropiede che Felici disinnesca in calcio d’angolo ed un minuto più tardi con un colpo di testa ravvicinato di Tardioli, su cui Felici ancora una volta chiude a doppia mandata la propria rete respingendo con i pugni.
SUBITO GOL – Non perde tempo ad inizio ripresa il Bastia che arriva subito al tiro con Mancini; la sua conclusione è contrata in angolo ma sugli sviluppi del corner Zanchi mette a segno il vantaggio con una deviazione sottomisura in mischia che non lascia scampo a Felici. Colpita a freddo la Clitunno prova subito a reagire e sessanta secondi più tardi reclama il secondo rigore della giornata per un dubbia spinta in area di Polchi su Tomassoni: Biccheri, però, stavolta non è d’accordo.
CONTROPIEDI – Spingendosi in avanti alla ricerca del pareggio, però, la Clitunno lascia spazi per i contropiedi ospiti, egli uomini di Luzi sfiorano a ripetizione il bis: all’11’ci va vicino De Santis con una sventola da fuori area che sibila alla sinistra della porta campellina e poi due minuti più tardi con una pregevole iniziativa personale di Francioni che riceve spalle alla porta, si gira e con un pallonetto scheggia la base del palo alla destra di Felici.
PARI SFIORATO – Ma la Clitunno continua a spingere a testa bassa ed a produrre occasioni per il pari: al 22’ Tomassoni recupera palla in area dopo una mischia, mette a sedere due avversari ma – a tu per tu con Tajolini – si fa ipnotizzare e tira debole. Due minuti più tardi è ancora Tajolini a salire in cattedra; su una punizione dai 25 metri di Antonini diretta all’incrocio dei pali, infatti, l’estremo difensore ospite vola alla sua destra e con un vero e proprio miracolo salva la propria rete da un pari che sembrava già scritto. Il canovaccio non cambia nemmeno negli ultimi 20’,con la Clitunno che preme alla ricerca del pari ed il Bastia che prova a mettere al sicuro i 3 punti in contropiede; le occasioni, però, iniziano a latitare e degno di nota rimane solamente il rosso diretto che Biccheri rifila al portiere di casa Felici all’ultimo minuto di recupero per proteste evidentemente ritenute eccessive e non regolamentari.
BORDINI RAMMARICATO – “Ha vinto chi ha fatto gol”,esordisce così a fine gara mister Bordini. “Anche oggi noi abbiamo fatto una buona prestazione contro una buona squadra –prosegue il tecnico della Clitunno – siamo stati in partita ed abbiamo, come anche loro, creato diverse occasioni. Purtroppo, però, dobbiamo ripetere il solito ritornello di questo ultimo periodo: nel calcio vince chi segna; loro l’hanno fatto su palla inattiva e noi no. Peccato perché la sconfitta contro una diretta concorrente è pesante,ora invece di avere il Bastia ancora a -6, come sarebbe stato anche solo con un pari,ce lo ritroviamo a 3 soli punti di distanza.”.
LUZI SODDISFATTO – “La gara è stata divertente ed equilibrata con occasioni per tutte e due le squadre – fa eco al suo collega il tecnico del Bastia Luzi – poi come spesso succede nel calcio la differenza la fanno gli episodi. Credo comunque la vittoria del Bastia ci possa stare, perché nel secondo tempo potevamo anche fare un po’ meglio in qualche occasione e chiudere la partita, mentre siamo stati bravi a limitare la Clitunno e non concedergli troppe occasioni per pareggiare.”.

Clitunno Bastia 0-1
CLITUNNO (4-3-1-2): Felici 6,5; Baronci 6, Pascolini 6 (35’ st Fabbi sv), Orazi 5,5, Morosi 5,5; Fogliani 5 (20’ st Peroni sv), Quondam 6, Rossi M. 6 (49’ st Botti sv); Tomassoni 6,5; Angelantoni 6, Antonini 5. A disp.: Campana, Santini, D’Arienzo, Rossi A.. All.: Bordini 6,5.
BASTIA (4-4-2): Tajolini 7; Belkchach 6,5 (33’ st Marchetti sv), Zanchi 6,5, Tardioli 6, Polchi 6; Monarchi 5,5, De Santis 6,5, Tasso 7, Battistelli 5,5 (26’ st Cardinali sv); Francioni 6,5, Mancini 7 (45’ st Pinchi sv). A disp.: Sensi, Gnagni, Sdringola, Ortolani. All.: Luzi 6,5.
ARBITRO: Biccheri di Gubbio 5. Assistenti sigg. Ragnacci e Tasso.

MARCATORI: 1’ st Zanchi (B).

NOTE: Al 40’ pt Antonini (C) calcia a lato un rigore. Espulsi: 48’ st Felici (C) per comportamento fnon regolamentare. Ammoniti: Monarchi (B), Mancini (B). Spettatori 200 circa. Osservato 1’ di silenzio per le vittime del terremoto ad Haiti. Pioggia ad intermittenza, campo allentato. Angoli: 3-9. Recupero: 0’ pt, 4’ st.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.