Oggi nuovo dibattito in Comune
ASSISI (fla.pag.) – Dopo la seduta deserta del penultimo consiglio comunale, questa mattina la massima assise della città serafica si riunisce per discutere del piano regolatore, una seduta convocata per le 9 allo scopo di permettere il più ampio dibattito possibile. Si tratta del secondo consiglio comunale in pochi giorni, dopo che quello di lunedì ha approvato diversi atti e delibere, ma anche – all’unanimità dei consiglieri presenti – un ordine del giorno proposto dai consiglieri del Pd Claudia Maria Travicelli, Claudio Passeri, Edo Romoli, Gianfranco Gambucci e Luigi Marini per “esprimere la più vibrata protesta contro i tagli al mondo della cultura previsti dalla finanziaria 2010 e dai decreti collegati”. “Ringrazio i consiglieri di maggioranza e minoranza presenti che hanno votato questo documento – dice Travicelli – soprattutto il gruppo consiliare dell’Udc ed il collega Francesco Mignani”. L’odg approvato, in particolare, “impegna il sindaco e la giunta a farsi interprete, nei confronti del governo, di istanze finalizzate a disattivare i previsti tagli al mondo della cultura e a puntare su soluzioni che favoriscano la crescita delle produzioni culturali e di conseguenza di una parte considerevole del Pil del paese”. Nel caso assisano, i tagli al Fondo unico colpiscono in particolare la Pro Civitate Christiana, l’accademia Properziana del Subasio e la Società internazionale di studi Francescani: “Il Comune di Assisi è già impegnato da tempo, con scelte di bilancio anche difficili, all’azzeramento degli sprechi e al contenimento e all’ottimizzazione della spesa al fine di liberare risorse per gli investimenti e a stimolare un maggiore e più virtuoso coinvolgimento dei privati per sostenere e incoraggiare le produzioni, la qualità, la professionalità, ma per l’Umbria e per Assisi – conclude Travicelli – questi tagli stanno a significare il verificarsi di condizioni gravissime per la vita di istituzioni così prestigiose”.

Corriere-2010-07-22-pag19

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.