Volley, B1 maschile girone B Sabato al PalaGiontella la sfida con i romagnoli. Coach Rovinelli spera di recuperare il martello

BASTIA UMBRA – Non si culla sugli allori la Sir Safety Bastia, che sabato scorso ha espugnato il campo del San Lazzaro al tie-break ottenendo la quinta vittoria in altrettante gare di campionato. Un successo che però portato solo due punti e lascia dunque i bianconeri al secondo posto, a una sola lunghezza da Genova e Cortona, capolista a punteggio pieno. Ecco allora che i Block Devils hanno già la testa rivolta al match di sabato prossimo al PalaGiontella contro Bellaria, incontro difficile e che nasconde insidie ma nel quale i ragazzi del presidente Sirci vogliono tornare a conquistare il bottino pieno.
La condizione generale del gruppo è buona, come dimostra anche la tenuta fisica dei cinque set giocati in Emilia. Da verificare però il problema fisico accusato dal martello Francesconi: lo schiacciatore toscano nel riscaldamento pregara aveva accusato un fastidio muscolare, ma gli accertamenti del caso hanno confermato la lieve entità dell’infortunio e “Terminator” dovrebbe dunque recuperare. A livello mentale invece il gruppo è uscito confortato dal match con San Lazzaro, con la squadra che ci ha sempre creduto, è stata costantemente attaccata alla partita e anche quando si trovava sotto nel punteggio, ha voluto fortemente conquistare la vittoria. E questo è davvero un bel segnale, sintomo di un sestetto che non molla mai.
Da questa base bisogna ora ripartire, cercando il successo pieno con Bellaria. Daniele Rovinelli, esperto conoscitore della categoria, mette in guardia i suoi dalle insidie che nasconde l’incontro con i romagnoli: “Da punto di vista generico Bellaria è a livello generale una squadra di media-alta classifica – spiega il coach bianconero -. Hanno un’ottima organizzazione di gioco e un gruppo che è basato su quello dell’anno scorso ma si sono rinforzati con un opposto migliore e più incisivo in attacco dal punto di vista tecnico (l’ex Correggio Nicola Romani, giocatore che Rovinelli ha avuto alle sue dipendenze a Morciano, ndr) ed hanno cambiato il libero, prendendo un elemento esperto come Manea che sta facendo bene. Quanto alle insidie specifiche, Bellaria è una compagine molto pericolosa perché ha nelle sue corde la possibilità di giocare a ritmi abbastanza alti. Ci creerà diverse problematiche che riusciremo a risolvere in primis giocando bene noi, in secondo luogo facendo attenzione al nostro sistema di ricezione-attacco, perché loro hanno nella battuta e nel muro due punti di forza. Proprio in questo “scontro” potrebbe decidersi il match”.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.