Regolamento dei mezzi pubblicitari

Solo Ramona Furiani,  dirigente Pd, si ostina a negare l’evidenza
Il 17 luglio scorso Ramona Furiani, dirigente della locale sezione del Pd, ha voluto impropriamente dare lezioni di ‘regole ed eccezioni’ all’Amministrazione Ansideri ricevendo come immediata reazione una minaccia di querela per diffamazione. A sentirsi diffamata la ‘Leroy Merlin’ per le insegne pubblicitarie autorizzate dal Comune di Bastia Umbra, che ha agito tramite la società Publionda la quale ha  diffidato la Furiani e i giornali che ne hanno raccolto le dichiarazioni di fare un’adeguata rettifica.

Il 29 luglio sul portale web di ‘Terre Comp’ la dirigente piddina aderisce, secondo richiesta alla rettifica, ma ribadisce le accuse nei confronti dell’amministrazione comunale, anzi aggravandole. Parla, infatti, di ritardi nell’approvazione del regolamento insegne e della parzialità di trattamento nei confronti dell’utenza. Oltre a riservarsi la facoltà di adire le vie legali, l’amministrazione del Sindaco Ansideri rileva come false e tendenziose le dichiarazioni della Furiani, che non tengono in alcun conto la realtà dei fatti. I ritardi e le parzialità, infatti, sono da attribuirsi esclusivamente alla precedente amministrazione comunale, espressione del Pd,  che in 4 anni non è stata capace di rinnovare il regolamento, lasciando questo settore senza adeguata disciplina. Non solo, a fine legislatura è stato pubblicato un bando per l’appalto della gestione della pubblicità che l’amministrazione Ansideri ha bloccato nel luglio 2009, in tempo per evitare ulteriori guai. Dall’insediamento  la nuova amministrazione ha lavorato alla stesura del nuovo regolamento  per il quale la precedente non aveva fatto nulla. Si è ricominciato da zero, impegnando gli uffici amministrativi ad effettuare una puntuale ricognizione degli impianti per le insegne esistenti per pervenire alla catalogazione, con la redazione di 320 schede. Sulla base della ‘mappatura’  si è proceduto alla stesura de regolamento.  “Si è trattato di un ottimo lavoro di squadra che – ha sottolineato l’assessore Francesco Fratellini –  in breve tempo ha dato ottimi risultati”.  Lo stesso assessore all’indomani dell’approvazione del regolamento, votato all’unanimità dal consiglio comunale l’8 luglio scorso, ha dichiarato: “Considero un’assurdità che per tanto tempo Bastia, che si definisce “Città mercato”, non abbia avuto a disposizione spazi per promuovere adeguatamente le proprie potenzialità imprenditoriali.  Da oggi gli uffici saranno in grado di rispondere entro i termini di legge basandosi su regole certe e uguali per tutti”.  Dopo l’entrata in vigore del nuovo regolamento si procederà all’emissione del bando per l’assegnazione di spazi per le affissioni dirette. Quanto alla Leroy Merlin che, secondo la Furiani, avrebbe visto l’amministrazione comunale riservare un trattamento di favore per il rilascio dell’autorizzazione della nuova cartellonistica,  Fratellini ricorda che l’amministrazione comunale per rispondere alle impellenti richieste dell’azienda è ricorsa ad un provvedimento previsto dal regolamento allora vigente che prescriveva una deroga ampiamente motivata per il rilascio dell’autorizzazione , così come più volte aveva fatto la precedente amministrazione comunale.
Bastia Umbra, 30 luglio 2010                                       �
Ufficio Stampa del Sindaco

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (2)

comments (2)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.