Belkchach a pieno regime

BASTIA UMBRA – Dopo due consecutive sconfitte in campionato a Todi e in Coppa contro la Grifo Ponte Torgiano, il Bastia oggi opposta alla matricola terribile Clitunno spera di poter rialzare la testa. Il compito per la truppa di Zoran Luzi si presenta alla vigilia molto difficile, visto il valore del complesso campellino, avviato a disputare un’altra stagione ricca di soddisfazione per i propri colori. Questa bella squadra è una realtà. Frutto di una oculata programmazione societaria messa in pratica dall’abilità del suo diesse Pier Paolo Berretti e dall’indiscussa bravura del suo tecnico Giulio Bordini, bravo e capace a dare un’impronta efficace al suo team. Per questi motivi l’avvicinarsi della partita ha messo in apprensione un po’ tutto l’ambiente bastiolo che, anche in questa settimana, si è ritrovato con l’infermeria piena. Alle già note defezioni di Polchi, Cardinali e Pinchi, si è aggiunta anche quella di Battistelli, uscito anzitempo nella sfida di Coppa e la cui presenza oggi è in forte dubbio. Si rivedrà invece, in panchina Giordano Gnagni. “E’ solo un periodo particolarmente sfortunato per noi -dice il diesse Danilo Moroni -, ho notato nonostante le tante assenze la nostra squadra in netta crescita, dobbiamo avere solo un po’ di fortuna in più. I nostri avversari hanno mantenuto quasi la stessa struttura degli ultimi campionati e gli stessi meccanismi di gioco. Arrivano poi da una bella vittoria che ha portato loro entusiasmo e convinzione. Una squadra, insomma, che potrà crearci molte insidie”. Per quanto riguarda la probabile formazione che Luzi manderà in campo, certa la conferma dal fischio d’inizio dell’ultimo arrivato, il difensore Andrea Maroni e il rientro a centrocampo del sempre utile Kalid Belkchach, accanto al giovane Matteo De Santis e al bravo Alessandro Marchetti.
Leonello Carloni

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.