Il quadro L’operazione verrà effettuata dall’ufficio Urbanistica
BASTIA UMBRA – È iniziato il lavoro di ricognizione sugli edifici a destinazione non residenziale dismessi o invia di dismissione, in pratica sulle aree delle stalle per allevamenti in generale e di suini in particolare, ricadenti in zone agricole.
E quanto ha stabilito la Giunta che si è data l’obiettivo di riqualificare e razionalizzare il patrimonio edilizio esistente. Un problema riconosciuto anche dalla normativa regionale emanata negli ultimi due anni in materia urbanistica al fine di disciplinare meglio le possibilità di recupero di volumi dismessi, un fenomeno ricorrente in periodi di crisi economica. In tal modo si intendono dare concrete possibilità agli imprenditori per impostare nuove attività economiche. AI contempo si mettono a disposizione degli enti locali normative che possono offrire un contributo sostanziale e di qualità al miglioramento degli insediamenti edilizi. Nel caso di Bastia un problema piuttosto importante è la chiusura delle stalle di maiali, ormai inattive da quasi tre anni, che ha provocato la cessazione di attività economiche e la dismissione di volumi. La ricognizione, che sarà effettuata dal settore Urbanistica in 90 giorni, significa che entro giugno 2012 l’Amministrazione avrà un quadro certo sulle zone interessate all’eventuale ristrutturazione e i volumi di possibile utilizzazione. «Gli interventi di riqualificazione – dichiara l’assessore all’assetto del Territorio Livieri – sono per lo più riferiti a zone agricole e comunque fuori dai centri storici. L’auspicio che mi sento di formulare oggi è che con una parte di questi volumi si possano realizzare residenze uni e bifamiliari, che sono richiesti da numerosi cittadini e da imprenditori dell’edilizia». Il Comune, che potrà fare previsioni più mirate e consapevoli alla luce dei risultati della ricognizione tecnica, ha intenzione di prevedere un sistema premiale per incentivare i proprie-tari a realizzare le previsioni indicate dal programma urbanistico.
RR. PE.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.