L’attaccante è tornato al gol: «Adesso la Tiberis è lontana, non fermiamoci»
BASTIA – La squadra di Rosario Scarfone, nonostante la sosta, continua dritta la propria marcia e piega tra le mura amiche anche la Tiberis. Era una gara fondamentale per le ambizioni soprattutto degli uomini di Facchini, che potevano restare agganciati al treno di vertice. Probabilmente ora gli umbertidesi si concentreranno nella difesa della terza piazza, lasciando alla Narnese il compito di insidiare il Bastia per la vittoria del campionato. Dopo un girone intero è tornato nel tabellino dei marcatori Michele Battistelli.
Il talentuoso prodotto del settore giovanile biancorosso ha lasciato la ribalta agli altri. Ma solo dal punto di vista della realizzazione. Perché altrimenti il suo contributo in campo non è mai mancato. «Proprio alla Tiberis, in casa loro ad Umbertide, avevo segnato la mia ultima rete in campionato. C’ è voluto praticamente un girone, ma sono contento di aver segnato nuovamente. Segnato un gol importante perché ci ha aiutato a vincere una partita delicata». La Tiberis aveva probabilmente l’ultima chance per rientrare in gioco per il vertice…: «Intanto abbiamo vinto contro una delle migliori squadre del campionato. Per qualità di gioco ed individuale. La gara in se non è stata facile per niente. Non abbiamo creato tantissime occasioni darete. Buon per noi abbiamo sfruttato bene quelle che ci sono capitate. Un bravo va poi a Stefano Tajolini. In un momento delicato della partita, ha come segnato il terzo gol. Grazie alla sua parata sul calcio di rigore concesso agli avversari al 20′ circa della ripresa. Invece di riaprire l’incontro, lo ha chiuso definitivamente». La classificaparla chiaro. Ormai per il vertice è lotta aperta tra voi e la Narnese…:«Diciamo che con questa vittoria abbiamo messo la Tiberis ad una certa distanza di sicurezza. Anche se nel calcio non si può mai dire, se però noi e la Narnese continuiamo a tenere questo passo sarà dura rientrare per gli umbertidesi. Però i giochi so-no ancora lontani dall’essere chiusi». Anche se non avete più lo scontro diretto? Cinque punti sono un buon margine di vantaggio…: «Si ma le partite sono ancora tante. Del resto basta un passo falso e rimetti tutto in discussione. Il nostro obiettivo non è fare la corsa sugli altri, ma solo su noi stessi. Sappiamo bene che, vincendo, le altre non possono che andare in difficoltà. Per cui proveremo a vincerle tutte». E  il prossimo avversario è il Collepepe…: «Parlo spesso con Luca Tomassini.
Non si spiega nemmeno lui la posizione in classifica che occupano. A guardare la squadra fanno paura. Probabilmente non hanno quella serenità che può esserci in altre situazioni di graduatoria. Sarà una bella battaglia. Proveremo a vincere pure questa». Per lei si diceva il ritorno al gol dopo tante settimane. Ma dal punto di vista del rendimento individuale sta andando alla grande. Tra l’altro è sempre tra i più temuti da parte degli avversari…: «Sono contento di tutto. Certo, i primi 4 gol in 6 giornate potevano far pensare ad un altro rendimento realizzativo. Però va bene così. In squadra c’è gente che fa gol anche per me. Io mi sacrifico più degli altri attaccanti. L’importante è che la squadra continui a vincere».
di SIMONE MAZZUOLI

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.