Serie D Il tecnico si era dimesso al termine del ko casalingo con il Grosseto

BASTIA UMBRA L’arbitro della gara Bastia-Grosseto, Matteo Mori di La Spezia, ha lasciato l’impianto bastiolo solo dopo le ore diciotto. Ma la sua uscita non è stata impedita dai tifosi, bensì è stato trattenuto nel suo spogliatoio dal commissario che aveva seguito la sua direzione dalla tribuna. Alcuni testimoni ci hanno riferito di uno scambio di opinioni che in certi momenti ha assunto anche toni molto alti. E’questa la conferma, purtroppo per il Bastia, di un arbitraggio non all’altezza specialmente nei minuti finali del match. Dalle immagini il calcio di rigore assegnato al Grossetto, evidenzia l’accentuazione da parte del giocatore ospite al momento della caduta. Lo stesso però, non avrebbe mai potuto deviare il pallone perché troppo alto e, infatti, terminato sulla testa di un suo compagno che ha spedito alto sopra la traversa. E’ la conferma questa che per il Bastia è una stagione molto sfortunata soprattutto nei minuti di recupero. La cosa era già accaduta nei finali di partita con l’Albalonga e Monterosi ma senza lo zampino arbitrale. Adesso tutto l’ambiente è molto preoccupato per i fatti avvenuti nell’immediato dopo gara che certamente penalizzeranno ancora di più una rosa giocatori che andrà a giocarsi domenica a Ponsacco una bella fetta di stagione. Inoltre, c’era anche molta attesa nel conoscere il destino di Gianpiero Ortolani che aveva rimesso il mandato sulle mani del presidente Sandro Mammoli. Alla ripresa degli allenamenti, ieri colloquio tra il presidente e la squadra che ha fatto quadrato sul tecnico. Risultato? Ortolani resta in sella.
Leonello Carloni

221 Visite totali, nessuna visita odierna

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.