Il legale seguirà la vicenda dopo la richiesta di concordato preventivo presentata dalla ditta costruttrice. Vanno ancora completate le opere esterne – Prossime mosse Pronta la richiesta per l’esecuzione della garanzia fidejussoria

BASTIA UMBRA Sulla vicenda della scuola di XXV Aprile, che è stata inaugurata a settembre, ma per cui mancano alcuni lavori (nelle zone esterne della scuola, che per il resto funziona regolarmente) e per cui l’azienda ha chiesto un concordato preventivo, il Comune ha incaricato un legale di seguire la vicenda, visto che i tempi non saranno brevi. Come noto a febbraio gli operai della ditta appaltatrice dei lavori avevano manifestato in modo pacifico sul luogo del cantiere a causa delle inadempienze economiche nei loro confronti da parte dell’azienda. Sul posto si è recato, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, il vicesindaco Francesco Fratellini per sostenere i lavoratori. Ancora prima il direttore dei lavori e il responsabile della sicurezza del cantiere avevano segnalato alcune inadempienze dell’azienda.Ora, come anticipa l’assessore Stefano Santoni, “dovremo verificare se l’azienda è in grado di portare a termine il contratto altrimenti chiederemo l’esecuzione della garanzia fidejussoria per l’importo dei lavori da completare. Si tratta di lavori esterni alla scuola, ma devono essere ancora collaudati i lavori eseguiti”. Per quanto riguarda la mancata attivazione dell’impianto fotovoltaico, “denunciata” dalla Lega nei giorni scorsi, Santoni spiega che questo “Faceva parte delle migliorie del contratto proposte dall’impresa”. Che però, dopo la protesta degli operai dei giorni scorsi, ha richiesto il concordato preventivo.

F.L.

 523 Visite totali,  1 Visite odierne

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.