L’INDAGINE

BASTIA UMBRA Presi gli autori dei furti effettuati nei giorni scorsi ai danni di una parrucchiera, di un negozio di tabacchi e di alcune lavanderie a gettoni. Due italiani italiana sono stati denunciati per i reati di furto, ricettazione e possesso di oggetti atti allo scasso in concorso. Tutto è partito dagli ordinari servizi di controllo del territorio effettuati a Bastia Umbra dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Assisi. Dopo aver notato alla guida di un veicolo un ventinovenne italiano noto per i suoi precedenti per furto hanno deciso di fermarlo per sottoporlo a delle verifiche più approfondite. Alla vista degli agenti, il conducente della vettura ha tentato di eludere il controllo accelerando e provando poi a nascondere l’auto in un’area verde di Bastia Umbra. Il tentativo però non è andato a buon fine.L’uomo infatti è stato raggiunto dai poliziotti che gli hanno perquisito anche l’auto dove hanno trovato un martello, un “piede di porco”, diversi pacchetti di sigarette, una tanica di carburante e alcuni gettoni verosimilmente provento di furto. Il veicolo, inoltre, anch’esso rubato, è risultato avere una targa palesemente contraffatta. Mentre i poliziotti procedevano agli accertamenti, improvvisamente, il 29enne è scappato cercando di nascondersi all’interno di un’abitazione.Gli agenti, però, sono riusciti a raggiungerlo nell’appartamento, all’interno del quale hanno trovato un complice, un altro italiano di due anni più grande, e diversi articoli per la cura della persona, con tutta probabilità risalenti ad un furto avvenuto alcuni giorni prima presso un salone da parrucchiera di Bastia Umbra. Sentiti in merito, i due uomini hanno confermato di aver effettuato, nella notte, un furto presso un negozio di tabacchi. Gli ulteriori accertamenti effettuati dal personale del Commissariato hanno permesso di appurare che i due complici fossero anche i responsabili di alcuni furti avvenuti presso delle lavanderie a gettoni di Bastia Umbra. Per questi motivi, al termine delle indagini, i due sono stati denunciati per i reati di furto, ricettazione e possesso di oggetti atti allo scasso in concorso, mentre sono stati riconsegnati ai legittimi proprietari tutti gli oggetti rubati che sono stati ritrovati.

Massimiliano Camilletti

 1,496 Visite totali

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.