Bastia, l’assessore all’Urbanistica Fratellini: «Fondamentale per la città»

BASTIA UMBRA – Piano Franchi, ora c’è l’ufficialità da parte dell’Amministrazione: il consiglio comunale si riunirà giovedì alle 20 per esaminare l’importante pratica urbanistica. Il Piano sull’area ex Franchi non è cosa da poco, basti pensare che vi sono previsti la costruzione di 170 appartamenti e quella del sottopasso di via Firenze, da sempre al centro di polemiche violente e infinite.
Tipologia. Gli appartamenti vengono realizzati con un progetto di social housing che prevede la possibilità di affitto concordato, affitto riscatto e vendita convenzionato. Gli edifici sono tutti di classe A, a massima efficenza
energetica. I lavori dovrebbero iniziare in estate. «Il Piano Franchi – dichiara l’assessore all’Urbanistica, Francesco Fratellini – è fonda-mentale per lo sviluppo della città, e per questo sin dal suo insedia-mento questa Amministrazione si è impegnata nel cercare di portare a compimento questo Piano dopo anni di proclami e polemiche».
II quadro. Ma come arrivano a questo appuntamento le varie forze politiche? Ad occhio e croce, le maggiori incognite si riscontrano sul versante dell’opposizione: l’atteggiamento complessivo del Pd, almeno per ora, oscilla tra netta chiusura e apertura al dialogo. In aula, ci potrebbero essere sorprese:
sul via libera alla costruzione del sottopasso di via Firenze, ad esempio, c’è una parte dei consiglieri di opposizione che sarebbe d’accordo a dare il via libera, mentre altri preferirebbero salire sulle barricate impugnando le parole d’ordine della cementificazione e dell’inutilità dell’opera. La maggioranza, invece, è compatta: incassare il via libera sul Piano Franchi significa andare alla campagna elettorale del prossimo anno usando un argomento di non poco conto: fino ad ora si è discusso molto, ma è solo con noi che la pratica si è sbloccata. Come si capisce, la partita politico-amministrativa intorno al Pia-no è della massima importanza.

 7,040 Visite totali

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.