Era con la figlioletta di cinque anni
BASTIA UMBRA Ha destato sgomento e sconcerto in città l’episodio di brutale violenza di cui è rimasta vittima una donna del posto, rapinata e aggredita sabato pomeriggio nel parcheggio di un supermercato bastiolo davanti alla figlioletta di cinque anni. Risalita a bordo della sua auto insieme alla piccola dopo aver riposto le buste della spesa, l’aggressore – un napoletano pluripregiudicato -ha bloccato la portiera del veicolo intimando alla donna di consegnargli la borsetta e minacciandola con una pistola. Alle resistenze della donna l’uomo ha perso le staffe e cominciato a colpire la vittima alla testa con il calcio della pistola così forte da provocarle vistose ferite. Il tutto sotto gli occhi della bimba, le cui urla piene di terrore hanno attirato l’attenzione di altri clienti che hanno subito lanciato l’allarme ai carabinieri, giunti sul posto in breve tempo. L’uomo, fuggito a piedi dopo aver rubato la borsa della donna convinto di averla fatta franca, è stato bloccato poco dopo. Con sé l’uomo aveva una refurtiva di 150 euro, un magro bottino per un’aggressione dalle conseguenze così severe. La donna, trasportata in ospedale, è stata medicata con diversi punti di sutura e lì ha riconosciuto il suo assalitore, che è stato subito arrestato e rinchiuso nel carcere di Capanne. Un episodio, quello di sabato, che mette a dura prova la tolleranza dei bastioli e desta nuovo allarme in una città già ferita da recenti episodi di criminalità.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.