L’operazione effettuata dai carabinieri di Bastia. Trovato il necessario per la coltivazione dello stupefacente
Il 18enne trovato in possesso di marijuana. Arrestato anche il “fornitore”

di MASSIMILIANO CAMILLETTI

BASTIA UMBRA – Nuovi arresti per spaccio di droga nel comprensorio dell’Assisano. Questa volta i carabinieri di Bastia Umbra hanno fermato due giovani di Perugia e Assisi, rispettivamente di 20 e 18 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari hanno in un primo momento bloccato a Bastia il diciottenne, trovandolo in possesso di sessanta dosi di marijuana, del materiale necessario per il loro confezionamento e di una bilancia di precisione. Gli accertamenti che sono seguiti hanno portato all’arresto del ventenne di Perugia, sorpreso con 20 grammi di marijuana, due dosi di cocaina, semi di cannabis sativa e tutto il necessario per la sua coltivazione: dai vasi, alla terra, al concime. Il perugino è stato ritenuto dai carabinieri il fornitore del giovane assisano. In tutto circa cento grammi di droga che è stata prontamente sottoposta a sequestro. I due ragazzi sono stati quindi rinchiusi nelle camere di sicurezza della caserma della compagnia di Assisi guidata dal capitano Andrea Pagliaro.
Gli arresti fanno seguito a quelli effettuati l’altro ieri dai carabinieri di Assisi, che hanno colto in flagranza di reato tre giovani spacciatori di cocaina. Non è stato semplice per i carabinieri di Assisi individuare tre insospettabili, giovanissimi, che non esitavano anche a fare decine di chilometri per piazzare la droga tra Bastia e Magione. Il fermo dei tre ragazzi, classe ’74, ’83 e ’82, è avvenuto nel parcheggio davanti alla stazione ferroviaria di Magione. Ai tre, mentre erano in auto, si è avvicinata una persona. Dopo un breve scambio di battute le mani si sono allungate, da entrambe le parti, e qualcosa è stato scambiato. A quel punto i militari sono intervenuti e hanno fermato i tre giovani in auto.
Dalla perquisizione personale non è emerso nulla. Dal controllo dell’autovettura è saltata fuori invece la prova che li ha incastrati. Per terra, nascosto sotto il sedile, è stato rinvenuto infatti, un pacchetto di sigarette contenente 14 grammi di cocaina. I tre arrestati sono stati condotti presso il carcere di Capanne e di seguito sono comparsi davanti al giudice per le indagini preliminari Paolo Micheli per l’udienza di convalida del fermo. I tre sono difesi dall’avvocato Giacomo Manduca. Va ricordato che poco tempo fa, nel corso di un’operazione antidroga condotta dai i carabinieri della stazione di Petrignano d’Assisi con la collaborazione del nucleo cinofili di Bastia Umbra e di personale della compagnia di Perugia, sono state arrestate altre tre persone e sequestrati 185 grammi di cocaina. In quel caso i militari da tempo tenevano sotto controllo uno dei tre, che venne fermato e trovato in possesso di tre ovuli termosaldati contenenti, complessivamente, 15 grammi di cocaina. Nel corso della successiva perquisizione nell’abitazione del giovane, dove vennero sorpresi anche gli altri due, di origine albanese, i carabinieri trovarono altri 170 grammi di cocaina purissima, scovati dal cane antidroga Riko.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.