Il sindacato è pronto a fare la propria parte su tematiche come la povertà e le emergenze sociali presenti nel territorio

BASTIA UMBRA Inaugurata in via Majorana la nuova sede della Cisl di Bastia Umbra. Un giorno di festa molto partecipato ma anche un’occasione per riprendere due dei temi cardini della recente assemblea organizzativa umbra che caratterizza da sempre l’azione della Cisl: partecipazione e territorio. Con un occhio attento sulla situazione sociale.“L’esperienza folignate dell’Osservatorio sulle povertà – ha detto il coordinatore coordinatore Cisl, Bruno Mancinelli -, deve trovare spazio anche a Bastia Umbra. Anche qua è necessario istituire un tavolo periodico di confronto tra istituzioni, organizzazioni sindacali e associazioni datoriali”. Mancinelli ha già in mente che deve fare parte del tavolo. “Un tavolo che deve essere aperto a tutti quei soggetti protagonisti nel tessuto sociale, come la Caritas e la Diocesi, per contrastare vecchie e nuove povertà. Questo anche coinvolgendo la zona sociale ed il Comune di Assisi che ne è capofila, per poter magari sperimentare anche la possibilità di un cosiddetto welfare generativo, ossia superando il mero concetto di redistribuzione, attraverso un welfare appunto generativo in quanto teso a responsabilizzare chi riceve, salvaguardando meglio la propria dignità di persona”.“La Cisl da tempo sta attivando una politica legata al territorio e alle persone – ha ribadito il segretario generale Cisl Umbria,Angelo Manzotti – Quindi, le nostre sedi sono strategiche per dare risposte ai tanti iscritti che si rivolgono a noi. La priorità che abbiamo oggi è quella di salvaguardare e tutelare le retribuzioni e le pensioni”.
F.P.

Loading

Print Friendly, PDF & Email

comments (0)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.